Comunicazione ai sensi dir. 2009/136/CE: questo sito utilizza cookies tecnici anche di terze parti.
L'uso del sito costituisce accettazione implicità dell'uso dei cookies. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser.

  • alpini.jpg
  • alba.jpg
  • aquedotto.JPG
  • pound.jpg
  • legionario01.jpg
  • croce1.jpg
  • legionario.jpg
  • voce.jpg
  • tempesta.jpg
  • leone.jpg
  • carcasson.jpg
  • iterun_rudit_home.jpg
  • calatrava.jpg
  • sangiorgio.jpg
  • fenice003.jpg

 

Il Capitano.  Essere ascetici è l'unico stile di vita possibile, mangia pasti frugali, ogni tanto si concede un amaro ( una volta ogni 9 anni ), per lui una virgola sbagliata è un grosso errore da correggere. Spiccate attitudini a "incasinare" qualunque strumento informatico. Tende inesorabilmente a far vivere asceticamente tutti, il suo bersaglio preferito per la redenzione ascetica è Il Mannaro
Il Capitano (Clik immagine) 
Il Guru. Si narra che tutte le sere, prima di coricarsi, elevi una preghiera alle divinità informatiche che lo proteggano, o meglio proteggano i suoi computer da cataclismi. Spiccate doti nel raccontare e spiegare tecnicismi che nessuno è in grado di comprendere, si parla di qualche miracolo compiuto. Cerca sempre di evitare Il Capitano, si sussurra che una volta stette al telefono con il Capitano due mesi per un problema su una stampante.
 Il Guru
Il Mannaro. Le leggende narrano che per sopravvivere alla modernità passi intere nottate nei boschi cercando cibo, preso da raptus famelici riesce a trangugiare qualsiasi cibo e bevanda a qualunque ora. Spiccate doti di cercatore, si narra che tale capacità di cercare ( cibo e bevande ) si ampli a dismisura dopo aver passato del tempo con il Capitano
 Il Mannaro
La Paziente, conosciuta anche come la Mamma. Si sussurra che non possa sopravvivere nel mondo senza attorniarsi di bimbi cercando, senza molti risultati per altro, di insegnare l'arte di fare marmellate. Dotata di una pazienza infinita è stata ritrovata, dopo essere scomparsa per mesi, in una cucina dedita a far recitare a dei bimbi delle ricette dimenticate. Le doti d'infinita pazienza l'aiutano a sopportare gli altri, sopratutto Il Mannaro  La Paziente
La Poetessa. Dotata di incredibili doti artistiche è stata notata anni fa, colpita dal cibo e bevande di Mannaro, emettere suoni gutturali. Da allora la sua diffidenza è proverbiale. Si racconta che giri con un sacchetto di misteriose erbe medicinali. Nota per le sue capacità mnemoniche viene spesso usata dal Guru come banco di memoria per le copie del sito. Viene schiavizzata dal Capitano proprio a causa della sua memoria. La leggenda narra che le fu chiesto di recitare il primo capitolo della saga di Giglamesh in aramaico antico.
 La Poetessa
Il Sociale. Considerato quasi un essere soprannaturale per la sua capacità di utilizzare i social, viene visto con timore reverenziale sopratutto dal Capitano e da Mannaro. La leggenda vuole che sia capace di connettersi con la mente a qualunque social. Messo alle strette da Mannaro ha confessato di far pesante uso di polenta e ossi buchi per trarre l'energia per collegarsi mentalmente.  Il Sociale
L'Infermiere. Noto per la sua capacità di ascendere guardando una lampada di meditazione, si prende cura della salute del gruppo. Profondo conoscitore delle muse della musica sostiene di esserne l'unico esperto. I tentativi fatti per fargli commentare gli ululati di Mannaro sono per il momento falliti. Ha profondo timore della Poetessa e della Paziente. Il Capitano stà indagando.  L'Infermiere
Il Preciso. Si favoleggia che giri le strade portando una pesante borsa piena di agende ove dovrebbe aver registrato ogni singola cosa e annotato le istruzioni relative. Si racconta che una volta fu preso da un furor scrittorio sui protocolli. Venne rinvenuto dalla Paziente sepolto sotto 15 metri di carta. Il Mannaro tenta costantemente di liberarlo dalla carta di cui si attornia, gli esiti sono quanto mai incerti.  Il Preciso

Contatti:     Redazione     Web Admin     |     Privacy Policy     |     Cookie Policy     |    Disclaimer     |     Creative Common license

X

Right Click

No right click