Comunicazione ai sensi dir. 2009/136/CE: questo sito utilizza cookies tecnici anche di terze parti.
L'uso del sito costituisce accettazione implicità dell'uso dei cookies. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser.

  • legionario01.jpg
  • voce.jpg
  • balder.jpg
  • tricolore.jpg
  • templare01.JPG
  • montsegur.jpg
  • legionario.jpg
  • iterun_rudit_home.jpg
  • ragazzi99.jpg
  • redi05.jpg
  • tempesta.jpg
  • croce1.jpg
  • carpe_diem_home.jpg
  • calatrava.jpg
  • alpini.jpg

Leon DegrelleCustodire un archivio è una grande responsabilità. Non tanto per la sicurezza  della custodia ma anche e sopratutto per non venire meno alla fiducia di chi ti ha affidato l'archivio e delle motivazioni che sono sottostanti a questa decisione. Troppe volte assitiamo ad un uso improprio degli archivi. Vengono conservati quasi fossero delle propietà private o fonti di risorse economiche

Quando Madame Joana e Caroline ci affidarono l'archivio fu un gesto preciso, un dettato testamentale". Dovevamo custodirlo e renderlo pubblico quando fosse arrivato il momento, quando la storia doveva essere scritta con pacatezza ma con verità, restituendo un immagine del Generale Leon Degrelle scevra da giudizi ideologici, ma semplicemente un immagine che doveva raccontare ia figura del Generale Leon Degrelle per quello che era, affidando agli storici il compito di approfondire ed agli intellettuali di esprimente un opinione.

Rendere pubblico e consultabile un archivio significa condividere la conoscenza, condividere un pezzo di storia affinchè non possa essere cancellato e dimenticato. La storia non è  propietà privata, la storia è patrimonio dell'uomo e della civiltà.

La figura del Generale Leon Degrelle è assolutamente affascinante e a pieno titolo appartiene alla storia d'Europa. Comunque la si pensi è stato un capo politico democraticamente eletto, un capo militare, uno scrittore, e sopratutto durante gli anni spagnoli un combattente spirituale, instancabile e generoso.

Non è possibile dimenticare la sua generosa ospitalità, i caffè offerti su vassoi di ceramica, i dolcetti e le fette di torta. Si era anche questo il Leon Degrelle.

Consulta l'archivio 

 

Luca Boniardi - Giancarlo Rognoni

 

Contatti:     Redazione     Web Admin     |     Privacy Policy     |     Cookie Policy     |    Disclaimer     |     Creative Common license

X

Right Click

No right click